Aree Tematiche

Un interessante esempio di marketing e comunicazione: la ditta Alessi si presenta agli studenti

Dettagli del documento

Da sempre azienda partner del nostro istituto per il progetto "web and digital marketing"

Argomenti
Studenti
Alunni
web marketing
digital marketing
afm
alessi

Lunedì 27 novembre, dalle 10 alle 11, tutti gli studenti del corso AFM hanno partecipato alla presentazione dell'azienda Alessi tenuta dalla dottoressa Campanello, esperta in marketing e comunicazione, che ha parlato in generale della creazione e dello sviluppo dell’impresa. Nel 1921, Giovanni Alessi fonda, insieme con il fratello la “Fratelli Alessi Omegna”, per la lavorazione dell’ottone con fonderia. Le prime produzioni della FAO, in perfetta linea con i canoni europei dell’artigianato, rispettano l’attenzione per la qualità e il lavoro ben fatto in cui Giovanni credeva profondamente. Con la Seconda Guerra Mondiale alle porte, la Fratelli Alessi Omegna abbandona la produzione di oggettistica per la casa e la cucina e si impegna nella fabbricazione di materiali bellici. Successivamente, con la trasformazione negli anni ‘50, la FAO inizia un grande passaggio dalla lavorazione dei metalli morbidi a quella dell’acciaio inossidabile. Con l'inizio negli anni ‘60 l'azienda si diffonde per tutto il mondo. La qualità dei prodotti Alessi porta al prestigioso premio “Mercurio d’Oro per l’Industria” vinto nel 1964. Da sempre Alessi crede nell’utilità pubblica dell’attività d’impresa, ovvero per migliorare la società e fare in modo di creare un valore al lavoro di persone e produrre oggetti che impattano sulla qualità della vita. Così l’azienda sceglie la forma di Società Benefit.  La dottoressa dell’azienda Alessi ci ha raccontato anche uno dei progetti importanti della ditta. Nel 2013 l’azienda, in collaborazione con Goodpoint, ha partecipato al progetto “Buon lavoro- La Fabbrica per la città”. Il progetto è nato dall’esigenza di gestire un momento di sovracapacità produttiva dello storico stabilimento di Crusinallo. Alessi ha provato a utilizzare i suoi operari “diversamente”, impiegandoli in attività socialmente utili a favore della comunità nelle quale l’azienda opera. All'iniziativa hanno volontariamente aderito circa 300 dipendenti, per un totale di 9.000 ore messe a disposizione del Comune di Omegna e del Consorzio dei Servizi Sociali del Cusio. Alla fine ci hanno mostrato anche i prodotti particolari dell’azienda che sono entrati letteralmente nella storia del design italiano come pezzi di arte e creatività. Tra questi i più interessanti sono “Juicy Salif”, lo spremiagrumi progettato da Philippe Starck nel 1990, di cui si narra sia stato disegnato su una tovaglietta in pizzeria durante un suo viaggio in Italia; e il Bollitore 9093, nato nel 1985 dal genio di Michael Graves, caratterizzato dal fischietto a forma di uccellino, ancora oggi uno degli oggetti più venduti e amati. In conclusione, ci hanno fatto vedere anche il cambiamento della pubblicità con il tempo dagli anni 60’, 80’ fino a oggi. È stata un’ora molto intensa e interessante soprattutto per noi ragazzi che abbiamo scelto questo percorso di studi.

Yuliia Savka 3AFM

Pubblicato: 29/11/2023, 17:12 - Revisione: 30/11/2023, 10:35

Eccetto dove diversamente specificato, questo articolo è stato rilasciato sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Italia.